zmot-marketing-studio-Giano

ZMOT e nuove strategie di marketing. Passaparola.

20 luglio 2015 by admin

passaparola. Subito il pensiero va alla storica headline di Annamaria Testa per Perlana.

Passaparola, o meglio il word of mouth, rappresenta anche il mezzo più immediato con cui i consumatori si scambiano informazioni utili e consigli su brand e prodotti. Da sempre.

Quando decidiamo di acquistare un prodotto, spesso lo facciamo perché qualcuno ce ne ha parlato bene. Con l’avvento della comunicazione web 2.0 il passaparola segue nuove strade, molto più frequentate, abitate da brand e consumAttori, utenti che non si limitano più ad accogliere passivamente il messaggio pubblicitario, ma diventano loro stessi mezzi di comunicazione per veicolare il valore del brand. Incentivare e promuovere il passaparola, sapendo cogliere le opportunità del web, comprendendo e rispondendo adeguatamente e velocemente alle esigenze del consumatore, è dunque la nuova sfida del marketing.

Prima della diffusione di internet, la Procter & Gamble teorizzò che il Primo Momento della Verità (First Moment of Truth – FMOT), avvenisse quando il consumatore, davanti allo scaffale del supermercato, in 3/7 secondi decideva quale prodotto acquistare tra le varie marche disponibili. Oggi, come ci insegna Jim Lecinski di Google,  in seguito ad uno stimolo che fa emergere il bisogno (spot pubblicitari in televisione, ricezione di posta a casa, pubblicità sui giornali, ecc…), il consumatore non va più subito in negozio. Si informa leggendo le recensioni, i commenti e i giudizi degli altri utenti, chiedendo agli amici oppure consultando i social network, facendo ricerche sui motori di ricerca, consultando siti web, guardando video, e così via.

Questo momento decisivo è chiamato ZMOT, il momento zero della verità, fondamentale conoscerlo per elaborare strategie innovative di comunicazione.

E’ importante sapere che lo ZMOT

  1.  avviene online
  2.  inizia con una ricerca sui motori (Google, Bing, Yahoo)
  3. avviene in ogni momento della giornata
  4. è emozionale
  5. è una conversazione multipla e coinvolge amici, conoscenti, sconosciuti, esperti, uomini di marketing che lasciano le loro recensioni e commenti informativi su blog, siti web e social network

Se il momento centrale del processo decisionale di acquisto è quello in cui i consumatori si informano sul prodotto o servizio che vogliono acquistare, il brand è proprio lì che deve  esserci e farsi trovare, con soluzioni di comunicazione vincenti, capaci di coinvolgere emotivamente.



Lascia un commento