Studio Giano a Ecomondo

A Ecomondo per una nuova narrazione dell’economia circolare

17 novembre 2017 by admin

Siamo stati a Ecomondo, il principale evento fieristico nazionale sull’ambiente che ha avuto luogo a Rimini Fiera dal 7 al 10 novembre. L’occasione è stata quella di partecipare ad un convegno su ”Economia Circolare e Reputazione (sociale). Evidenze da un caso studio nel settore del recupero dei rifiuti”, in cui è stato presentato lo studio realizzato dal Dipartimento di Economia e Diritto dell’Università di Macerata con il sostegno dell’azienda Orim.

Come viene seguita e percepita da media e social media l’attività delle aziende che curano la gestione e il riciclo dei rifiuti?
La gestione ed il recupero dei rifiuti è ormai considerato a pieno titolo come attività centrale per la transizione verso una circolarità dei modelli produttivi ed economici. La ricerca evidenzia, però, come a questo ruolo strategico non corrisponda un adeguato risconoscimento reputazionale da parte di media e opinione pubblica nei confronti di aziende che, come destinatarie di “scarti” di produzione, sono invece spesso oggetto di critiche da parte di un’ampia gamma di stakeholder “non professionali”, quali le comunità in cui tali imprese operano.
La ricerca ci conferma che la transizione verso un modello economico più sostenibile è un cammino ancora agli inizi e la comunicazione può svolgere un ruolo importante nel dare le giuste informazioni.

Studio Giano segue la comunicazione social di FISE Assoambiente, l’Associazione che in FISE rappresenta a livello nazionale e comunitario le imprese private che gestiscono servizi ambientali ed è in questa veste che ci è stato chiesto di presentare il loro case history.

Il nostro intervento ad Ecomondo


Nel 2015 l’Associazione ha deciso di avviare un processo di revisione della propria comunicazione che ha portato alla nascita di una nuova strategia digitale, con l’obiettivo di rafforzare la brand awareness di Assoambiente ed entrare in relazione con i cittadini/utenti per comprenderne i bisogni, coinvolgerli e sensibilizzarli sulle tematiche relative ai servizi ambientali.

Per raggiungere questi obiettivi l’Associazione ha riorganizzato il proprio processo di comunicazione, con una similitudine di approccio alle linee guida proposte dall’Agenzia per l’Italia Digitale un nuovo modello organizzativo basato sulla citizen centricity, in grado di elaborare le informazioni in modo più “semplice e accattivante”. Il nuovo modello di comunicazione che si sta attuando in Assoambiente prevede la presenza di un’unica regia che coordina e sovrintende i differenti settori che, lavorando in maniera sinergica tra loro, concorrono alla gestione e promozione della comunicazione esterna dell’Associazione.

Siamo passati quindi da un modello di comunicazione “verso” il cittadino/utente a un modello di comunicazione “con” il cittadino/utente.

A febbraio 2016 Assoambiente lancia la sua nuova strategia di comunicazione digitale integrata, aprendo i suoi account ufficiali sui principali social network. I canali social di Fise Assoambiente sono utilizzati per informare sulle attività istituzionali dell’Associazione e per sensibilizzare stakeholder e opinione pubblica sui temi inerenti l’igiene urbana e la gestione dei rifiuti, per dare una maggiore consapevolezza sull’importanza che ogni singolo comportamento riveste nella salvaguardia dell’ambiente.



Lascia un commento